I portabandiera della libertà

L'arte de la guerra

Ha fir­mato il libro delle con­do­glianze per le vit­time dell’attacco ter­ro­ri­stico alla reda­zione di Char­lie Hebdo e, defi­nen­dolo «un oltrag­gioso attacco alla libertà di stampa», ha dichia­rato che «il ter­ro­ri­smo in tutte le sue forme non può essere mai tol­le­rato né giustificato».

Parole giu­ste se non fos­sero state pro­nun­ciate da Jens Stol­ten­berg, segre­ta­rio gene­rale della Nato, l’organizzazione mili­tare che usa come meto­dico stru­mento di guerra l’attacco ter­ro­ri­stico con­tro le reda­zioni radiotelevisive.

Quello con­tro la radio­te­le­vi­sione serba a Bel­grado, col­pita da un mis­sile Nato il 23 aprile 1999, pro­vocò la morte di 16 gior­na­li­sti e tecnici.

Lo stesso ha fatto la Nato nella guerra di Libia, bom­bar­dando nel 2011 la radio­te­le­vi­sione di Tripoli.

Lo stesso nella guerra di Siria, quando nell’estate 2012 com­bat­tenti adde­strati e armati dalla Cia (negli stessi campi da cui sem­bra pro­ven­gano gli atten­ta­tori di Parigi) hanno attac­cato sta­zioni tele­vi­sive ad Aleppo e Dama­sco, ucci­dendo una decina di gior­na­li­sti e tecnici.

Su que­sti attac­chi ter­ro­ri­stici è calato in Occi­dente un quasi totale silen­zio media­tico, e pra­ti­ca­mente nes­suno è sceso in piazza con le foto e i nomi delle vit­time. All’attentato con­tro Char­lie Hebdo è stata invece data una riso­nanza media­tica mondiale.

E, facendo leva sul natu­rale sen­ti­mento di con­danna per l’attentato e di cor­do­glio per le vit­time, Char­lie Hebdo è stato assunto da un vasto arco poli­tico a sim­bolo di lotta per la libertà. Igno­rando il discu­ti­bile ruolo di que­sta rivi­sta che, con le sue vignette «dis­sa­cranti», si col­lo­che­rebbe «alla sini­stra della sinistra».

Nel 1999 il diret­tore di Char­lie Hebdo, Phi­lippe Val, sostiene con una serie di edi­to­riali e vignette la guerra Nato con­tro la Jugo­sla­via, para­go­nando Milo­se­vic a Hitler e accu­sando i serbi di com­piere in Kosovo dei «pogrom» simili a quelli nazi­sti con­tro gli ebrei.

Stessa linea nel 2011 quando Char­lie Hebdo (pur non essen­doci più Phi­lippe Val alla dire­zione) con­tri­bui­sce a giu­sti­fi­care la guerra Nato con­tro la Libia, dipin­gendo Ghed­dafi come un feroce dit­ta­tore che schiac­cia sotto gli sti­vali il suo popolo e fa il bagno in una vasca piena di sangue.

Stessa linea dal 2012 nei con­fronti della Siria quando Char­lie Hebdo, rap­pre­sen­tando il pre­si­dente Assad come un cinico dit­ta­tore che schiac­cia donne e bam­bini sotto i cin­goli dei suoi car­rar­mati, con­tri­bui­sce a giu­sti­fi­care l’operazione mili­tare Usa/Nato.

In tale qua­dro si inse­ri­sce la serie di vignette con cui la rivi­sta ridi­co­lizza Maometto.

Anche se essa fa satira allo stesso tempo su altre reli­gioni, le vignette su Mao­metto equi­val­gono ad altret­tante tani­che di ben­zina get­tate sul ter­reno già infuo­cato del mondo arabo e musul­mano. E appa­iono ancora più odiose agli occhi di grandi masse isla­mi­che per­ché a ridi­co­liz­zare la loro reli­gione e la loro cul­tura sono degli intel­let­tuali pari­gini, imme­mori del fatto che la Fran­cia assog­gettò al suo domi­nio colo­niale interi popoli, non solo sfrut­tan­doli e mas­sa­cran­doli (solo in Alge­ria oltre un milione di morti), ma impo­nendo loro la pro­pria lin­gua e cul­tura. Poli­tica che Parigi pro­se­gue oggi in forme neocoloniali.

Non c’è quindi da stu­pirsi se, nel mondo arabo e musul­mano che ha in mag­gio­ranza con­dan­nato gli attac­chi ter­ro­ri­stici di Parigi, dila­gano le pro­te­ste con­tro Char­lie Hebdo.

A coloro che in Occi­dente ne fanno la ban­diera della «libertà di stampa», va chie­sto: che cosa fare­ste se tro­va­ste affisse per strada vignette porno su vostro padre e vostra madre? Non vi arrab­bie­re­ste, non la defi­ni­re­ste una pro­vo­ca­zione? Non pen­se­re­ste che die­tro c’è la mano di qual­cuno che cerca di aprire una guerra con voi?

Manlio Dinucci,  


Articles by: Manlio Dinucci

About the author:

Manlio Dinucci est géographe et journaliste. Il a une chronique hebdomadaire “L’art de la guerre” au quotidien italien il manifesto. Parmi ses derniers livres: Geocommunity (en trois tomes) Ed. Zanichelli 2013; Geolaboratorio, Ed. Zanichelli 2014;Se dici guerra…, Ed. Kappa Vu 2014.

Disclaimer: The contents of this article are of sole responsibility of the author(s). The Centre for Research on Globalization will not be responsible for any inaccurate or incorrect statement in this article. The Centre of Research on Globalization grants permission to cross-post Global Research articles on community internet sites as long the source and copyright are acknowledged together with a hyperlink to the original Global Research article. For publication of Global Research articles in print or other forms including commercial internet sites, contact: [email protected]

www.globalresearch.ca contains copyrighted material the use of which has not always been specifically authorized by the copyright owner. We are making such material available to our readers under the provisions of "fair use" in an effort to advance a better understanding of political, economic and social issues. The material on this site is distributed without profit to those who have expressed a prior interest in receiving it for research and educational purposes. If you wish to use copyrighted material for purposes other than "fair use" you must request permission from the copyright owner.

For media inquiries: [email protected]research.ca